Fabrizio Corona continua a lanciare frecciatine ad Ilary Blasi

Fabrizio Corona continua a provocare Ilary Blasi e dalle pagine del suo nuovo libro Non mi avete fatto niente racconta il suo primo incontro con la conduttrice romana. E come al solito non ci va giù leggero.

31/01/2019 11:56

Fabrizio Corona continua a provocare Ilary Blasi e dalle pagine del suo nuovo libro Non mi avete fatto niente racconta il suo primo incontro con la conduttrice romana. E come al solito non ci va giù leggero.

Proprio durante il litigio televisivo, diventato storico, durante il serale del Grande Fratello Vip, Corona avrebbe detto a Ilary: “Ricordati di quello che facevi a 16 anni“.

E adesso nel libro, l’ex re dei paparazzi racconta la sua versione su quel primo incontro.

Lei era minorenne quando è entrata per la prima volta nel mio ufficio. Ricordo quel giorno, si fa avanti una signora e mi dice ‘Mi fija vò diventà famosa, si chiama Ilary’. Ilary era bella, naturale, non rifatta, al contrario di molte altre ragazze e quella era la sua forza. Mi lascia il suo book e io le rispondo che le avremmo fatto sapere. L’occasione si presentò con i provini di un nuovo quiz, Passaparola. Secondo Lele lei era perfetta per fare la letterina. Così la chiamiamo per chiederle se vuole fare il provino e lei (che era appena diventata maggiorenne) accetta subito“.

E poi Corona aggiunge “Lei viene a Milano e inizia a frequentare il mio giro. La prima sera che usciamo ha una storia di sesso con un mio caro amico. Lui però è un farfallone, non promette storie serie e allora in pochi giorni Ilary si innamora di un altro mio amico, Sean Brocca, uno dei ragazzi più belli di Milano. Ilary poi passa il provino per Passaparola e diventa una delle famose letterine. Proprio in quel periodo conosce Francesco Totti, ai tempi detto ‘Er Pupone’. Si conoscono ad una serata a casa di amici”.

Ilary Blasi e Francesco Totti non hanno al momento risposto alle provocazioni di Corona, che dal suo libro, continua a lanciare stoccate a tutti. Avanti il prossimo.

di Redazione


© Riproduzione riservata